STATISTICHE DEL SITO

Visite agli articoli
230307

Login Form

Pouiéntes d'Oc

IL MERLETTO A FUSELLI DELLE VALLI DI LINGUA D’OC 

 

merletto

L’origine e l’uso


L’origine del merletto a fuselli delle Valli Occitane del Piemonte e del Queyras risale alla seconda metà del sec. XVII, epoca in cui l’alta Val Varaita apparteneva al regno di Francia. Pare che questo merletto avesse qualche somiglianza con lo Chantilly antico.Il nostro merletto si utilizzava per confezio­nare le cuffie dei co­stumi tradizionali femminili. Veniva pure utilizzato nei costumi maschili festivi e, talvolta, nelle tovaglie d’altare.Attualmente il merletto è usato princi­palmente nell’arre­damento, poiché l’uso del costume e della cuffia è divenuto sporadico.


clicca sulle immagini per vederle ingrandite ...

 2011-06-12 caraglio  mod


Il territorio


Il territorio in cui tradizionalmente veniva eseguito questo merletto era costituito da un’area principale, posta alle pen­dici del Monviso e comprendente i paesi di Sampeyre, Ca­steldelfino, Bellino e Pontechianale in Val Varaita, Acceglio in Val Maira, Molines, Saint Véran e Ceillac in Queyras, nonché da piccole aree disgiunte in Val Roia, in Val Maira, in Val Chi­sone e in Val d’ Oulx (Rochemolles). Era presente anche in Abruzzo.
Attualmente viene eseguito soprattutto a Cuneo e nelle Valli Occitane della provincia di Cuneo.

 

 tombolo 01    tombolo 02

 

 

 

 

 

  

L’associazione “Pouiéntes d’Oc
(c/o il Museo Civico di Cuneo Via S.Maria 10/a)


Tra il 1971 ed il 1984 l’avv. Gianpiero Boschero, con la col­laborazione di un’amica, apprese la tecnica di base da
Teto di Piasso (Margherita Estienne, 1910-1994), l'ultima merlettaia di Bellino.
Il ritrovamento presso il signor Gino Lonardelli di Stroppo, del catalogo del corso di merletto del 1923-25, permise di passare dai merletti più semplici a quelli più complessi.
Nel 1987, con l’aiuto del Museo Civico di Cuneo, l’avv. Bo­schero tenne un primo corso di insegnamento della tecnica di questo merletto. Nel 1988, con le allieve più do­tate, diede vita all’associazione Pouiéntes d’Oc (merletti oc­citani), che ha lo scopo di studiare i modelli tradizionali e di in­segnarne l’esecuzione e che ha sede presso il museo.
L’associazione tiene corsi biennali di insegnamento a Cuneo e nelle Valli Occitane e si occupa della raccolta fotogra­fica dei merletti, del loro studio, della redazione dei disegni tec­nici e della partecipazione a mostre e convegni. Sul piano tecnico sono consolidati i rapporti con le merlettaie di Cogne e con le merlettaie svizzere, tedesche e francesi.
Dal 1998 al 2011, in collaborazione con il Comune di Cu­neo, l’associazione ha insegnato i merletti in alcune scuole elementari di Cuneo. Per tre anni li ha insegnati anche nelle scuole elementari della media e alta Val Varaita.

 

mad.olmo-2009-10 1 2

mad.olmo-2009-10 2 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

cliccando su:  Merletto Italiano  potrai seperne di più ...

 

de bres

"De Bères e d'Escufie, cuffie e merletti a fuselli delle Valli Varaita e Maira"

è il titolo del volume curato dall'Avv. Gianpiero Boschero, fondatore dell' "Associazione POUIENTES D'OC" di Cuneo.

L'opera s'inserisce nel più ampio percorso di studio e promozione del risveglio della cultura occitana.

Di ogni cuffia, accessorio indispensabile del costume locale, vengono pubblicati la fotografia intera (ridotta del 50% circa), uno o più particolari e una breve scheda tecnica. 

 

 

CONTATTI:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.